Il Territorio

demo-pavese3

Il Pavese è una terra splendida per ricchezza di suolo, armonia di paesaggio e fattori storici, ambientali e turistici. Gli agglomerati sono collegati da una fitta rete di strade e sorgono in una piana che asseconda il corso di fiumi, rogge e canali: dal Po al Ticino, dall’ Olona al Lambro, dal Naviglio napoleonico alle rogge Opizzona e Carlesca.

Molte le cose da citare. Le colline e il vino dell’Oltrepò. Le risaie della Lomellina. I castelli un po’ ovunque. E poi Pavia, la Certosa e il suo museo, Sant’Agostino, l’Università e i suoi musei.

E poi Vigevano è meta immancabile. Circondata dai boschi del Parco del Ticino, a soli 30 chilometri da Milano, Vigevano accoglie il visitatore con l’armonia della celebre Piazza Ducale: “una sinfonia su quattro lati” secondo la definizione del grande maestro Arturo Toscanini. Ideata dal Bramante con il concorso di Leonardo da Vinci, Piazza Ducale è l’ingresso d’onore all’imponente Castello, per estensione uno dei più grandi d’Europa e in fase avanzata di restauro e di riuso grazie all’organizzazione di mostre e alla prossima apertura di musei.
Città d’arte ma anche città d’acque, Vigevano è attraversata da canali e dal fiume Ticino che offre scorci e oasi naturali di indubbio fascino.
Da Ludovico il Moro a Eleonora Duse, allo scrittore Lucio Mastronardi, sono tanti i personaggi che hanno visto la luce in una città, ancora oggi nota in tutto il mondo per la produzione di scarpe di qualità e per la sua industria meccano-calzaturiera.

Per caratteristiche geografiche, storiche e morfologiche, la provincia è suddivisa in tre zone: Pavese, Lomellina e Oltrepò. Innumerevoli centri di eccellenze turistiche, agricole e gastronomiche in un percorso tra montagne, colline, pianure. Con quasi settantamila ettari di risaie e sedicimila di vigneti, è un incontro di nature, tradizioni e storie diverse.

mappa-pv

clicca per ingrandire

Il Pavese è terra ricca di suolo, armonia di paesaggio e fattori storici, ambientali e turistici. Tutta la zona si presenta come una distesa di filari di piante d’alto fusto e fossati. La nebbia regna sovrana da autunno a primavera. Compresa tra il Po e il Sesia, con lo “sguardo” verso il Piemonte, si estende la Lomellina. Un tempo terreno sabbioso, il paesaggio oggi offre orizzonti aperti, specchi d’acqua e filari di pioppi al limite delle risaie. E poi l’Oltrepò Pavese dove la sua particolare morfologia lo rende simile ad un grappolo d’uva.
L’Oltrepò è collina e vigna, dolci dossi che si arrampicano fino all’Appennino. Sosta obbligata nelle piccole osterie o per una visita alle tante cantine.

E tanti tanti altri “tesori” nascosti, tutti da scoprire. A partire dalle terme, centri di benessere. E per escursioni suggestive: la Riserva del Monte Alpe, il Giardino Alpino di Pietra Corva, il Monte Penice (sci alpino e sci d’erba) e belle gite in barca sul fiume Ticino.
Per chi ama osservare il cielo e le stelle: l’Osservatorio di Ca’ del Monte di Cecima.

ZavattarelloSi può viaggiare nel pavese anche alla riscoperta di sapori dimenticati e di tipicità gustose. Tra tutti emergono i vini e i salumi (tra cui il ben noto Salame di Varzi) ma non meno importanti le varie carni (tra cui quella della razza Varzese da poco reintrodotta), i formaggi, il miele, i tartufi, i frutti di bosco e in pianura l’asparago di Cilavegna, la Cipolla Rossa di Breme, anche se le produzioni più note sono il vino e il riso con i suoi fantastici risotti. Senza assolutamente dimenticare almeno un prodotto particolare per zona: l’oca della Lomellina, le rane del Pavese e la selvaggina dell’Oltrepò.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per rendere migliore l'esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in tale caso alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web.

Chiudi